Numero episodi: ???

La storia ha inizio nel 1990 quando lo scienziato Roger Newton, sua moglie Elaine, ed il suo brillante collega Simon Wright lasciano la Terra per una spedizione di ricerca in un isolato laboratorio sulla Luna. Il corpo di Simon è vecchio e malandato, e Roger gli consente di continuare le sue ricerche trasferendo il suo cervello, perfettamente lucido, in un contenitore artificiale fluttuante. Lavorando insieme, i due scienziati riescono a creare un robot intelligente che chiamano Grag, ed un uomo artificiale, o androide, con la capacità di mutare forma, chiamato Otho. Sfortunatamente, lo scienziato criminale Victor Kaslan arriva sulla Luna ed assassina i Newton.

Della famiglia Newton sopravvive soltanto il figlio, Curtis, che viene cresciuto dall’insolito trio composto da Otho, Grag, e Simon Wright (spesso chiamato il Cervello Vivente). Sotto la loro tutela, Curtis cresce fino a diventare un brillante scienziato, oltre che un atleta dotato di forza e velocità da campione. Sviluppa un forte senso di responsabilità e spera di usare le sue doti scientifiche per aiutare il prossimo. Nella prima avventura, offre i suoi servigi al Presidente del Sistema Solare, utilizzando, per una misura di riservatezza, lo pseudonimo Capitan Futuro. Simon, Otho e Grag sono chiamati, nelle storie successive, i Futuremen.

Altri personaggi frequenti nelle storie sono il vecchio generale spaziale Ezra Gurney, la bella agente della Pattuglia Planetaria Joan Randal (che susciterà in Curtis un interesse sentimentale) e James Carthew, Presidente del Sistema Solare, il cui ufficio è nella città di New York. Capitan Futuro incontrerà molti avversari nella sua carriera, ma il suo arcinemico è Ull Quorn, il cosiddetto Mago di Marte. Quorn è uno scienziato le cui capacità rivaleggiano quelle di Capitan Futuro. È l’unico cattivo che appare più di una volta nella serie, in quattro storie diverse. È in parte marziano ma suo padre era il malvagio Victor Kaslan. Un personaggio presente soltanto nella serie animata è invece il giovane Ken Scott.