Numero episodi: ???

Trama Cattivik: Cattivik è una sorta di maldestro ladruncolo che vive nelle fogne di un’anonima città ma che in base a determinate battute e passaggi gergali dei protagonisti di alcune strisce, è facilmente identificabile con Milano o con Napoli. Si impone come anti-eroe e vittima del sistema. Cattivik è amante del cattivo gusto, irascibile, talvolta ignorante della realtà che lo circonda, è stupido ma impavido, sempre desideroso di compiere i più efferati crimini, i quali vanno dal furto di un prezioso gioiello allo scippo di una borsa da una vecchina. Tra le peculiarità del personaggio spicca il singolare modo di parlare, (ricolmo di parolacce, puntualmente censurate), che impone l’esclusione dell’ultima vocale di ogni parola, la tipica risata sghignazzante (a scelta tra Yuk, yuk, yuk e Uaz, uaz, uaz!) che spesso riecheggia tra i sordidi vicoli della città incutendo timore nei passanti (o meglio: nell’omino in bombetta, il Solitomino, tradizionale vittima dei crimini del protagonista e dunque inconsapevole co-protagonista delle avventure) e il modo di spostarsi da un luogo all’altro saltellando, o meglio rimbalzando sfruttando la sua curiosa forma tonda. Un’altra particolarità di questo personaggio è l’arma con cui assale il Solitomino, usualmente una sorta di martellone in legno, più raramente un coltello, a volte una pistola semiautomatica. Da notare, poi, la totale mancanza di igiene del personaggio: abita nelle fogne, ha dei topi come occasionali servitori, pare possedere un unico capo d’abbigliamento (la calzamaglia nera, mutande e scarpe escluse) che si toglie rarissimamente, nonché le consuete esalazioni corporali interne ed esterne, accompagnate spesso e volentieri da episodi di rigetto. Un’altra caratteristica peculiare di Cattivik è la sua immortalità: per quanto in ogni storia venga malmenato, mutilato, investito, schiacciato, smembrato, tritato e persino sciolto nell’acido, ritorna puntualmente integro nell’arco di un paio di vignette.