Numero episodi: 176

Lucy è una giovane maga degli spiriti stellari, una branca della magia che permette di evocare, attraverso apposite chiavi, spiriti appartenenti alle 88 costellazioni. Il più grande sogno di Lucy è quello di entrare a far parte di una Gilda: le Gilde sono congreghe di maghi guidate da un Master, i cui membri, da soli o riuniti in teams di 3 – 4 maghi, svolgono vari incarichi, come il recupero di oggetti magici, l’eliminazione di mostri o l’annientamento di bande di briganti o di maghi malvagi. Lucy però non desidera divenir affiliata di una Gilda qualsiasi, ma, al contrario, ha una spiccata preferenza per la Gilda di Fairy Tail, composta da maghi potentissimi e dotati di abilità magiche enormi, anche se piuttosto scarsi dal punto di vista comportamentale e disciplinare (al punto di attirarsi più di un’antipatia da parte delle Gilde rivali e degli anziani membri del Concilio dei Maghi) Un giorno, Lucy, fermatasi ad osservare un sedicente mago che si presenta come Salamander, incontra casualmente Natsu, un bizzarro giovane alla ricerca del mago Igneel (che poi si scoprirà essere un potentissimo drago), ed accompagnato da un gatto parlante, Happy. Lucy, involontariamente “salvata” da Natsu mentre stava cadendo preda di un incantesimo di charme utilizzato subdolamente da Salamander, gli offre il pranzo come ringraziamento. In seguito la fanciulla, sedutasi su una panchina della città, viene avvicinata e raggirata dallo stesso Salamander che venuto a sapere del suo desiderio di appartenere a Fairy Tail, la convince a prender parte ad una festa sulla sua nave, ormeggiata al porto. La festa è in realtà un mero pretesto che Bora, questo è il vero nome del personaggio, utilizza per attirare sulla nave giovanni donne, per poi rapirle e rivenderle come schiave. Fortunatamente, quando le cose sembrano mettersi davvero male per Lucy, immobilizzata dagli sgherri del perfido Bora, sopraggiungono Natsu e Happy: il gatto, “estraendo” un paio di ali magiche, porta in salvo la ragazza, mentre Natsu si prepara ad affrontare l’equipaggio della nave. Natsu, venuto a sapere che Bora si spacciava per Salamander di Fairy Tail, vuole mettere in chiaro una cosa: lui è il vero Salamander e Bora deve essere punito per aver infangato il nome della sua Gilda. Natsu, anche con l’aiuto di Lucy e dello spirito stellare Acquarius, che riporterà la nave al porto sfruttando un’enorme mareggiata, sbaraglierà i banditi e lo stesso Bora con irrisoria facilità, finendo tuttavia per distruggere anche buona parte del porto, e vedendosi quindi costretto a fuggire, con Happy e la stessa Lucy, dalle ire degli abitanti della cittadina.
Natsu ed Happy offriranno a Lucy l’opportunità di diventare loro compagna di avventure e membro della Gilda Fairy Tail, conducendo la ragazza, entusiasta, alla gigantesca locanda sede della Gilda, ove si farà la conoscenza degli altri membri, fra cui spiccano Gray, acerrimo rivale di Natsu ed utilizzatore della magia del ghiaccio, col vizio di girare sempre seminudo, la bellissima Mirajane, la ragazza immagine di Fairy Tail, suo fratello Elfman, Loki, donnaiolo, Kana Alberona, ruvida maga con un’innata passione per gli alcolici, e soprattutto il Master della Gilda Makarov, un minuscolo vecchietto dotato di poteri immensi.
Una volta unitasi alla Gilda, Lucy parte subito con Natsu e Happy alla ricerca di Macao, un compagno di Gilda, partito in missione da parecchio tempo e non ancora tornato: Natsu decide di andarlo a recuperare perché colpito dal dolore che il piccolo Romeo, figlio di Macao, prova, rispecchiandosi in lui. Dopo aver raggiunto il luogo incriminato, Lucy viene rapita da un mostro dalle sembianze di scimmia, Balkan, lo stesso che il loro compagno era andato a sconfiggere. Dopo un lungo combattimento, durante il quale facciamo la conoscenza con Taurus e Horologium, due spiriti di Lucy, si scopre che Balkan, in realtà, è Macao, il cui corpo era stato posseduto dai poteri del mostro. Dopo averlo salvato e riportato a casa, i tre sono pronti per la loro prima missione, rubare un libro di nome Day Break dalla biblioteca del duca di Ebaloo e distruggerlo.
I tre sconfiggono (grazie soprattutto all’enorme potenza di Natsu) i fratelli Vanish Brothers, membri della Gilda dei Lupi del Sud (questa gilda non è composta da maghi, bensì da puri mercenari, combattenti esperti in tecniche di lotta ma privi di poteri magici) e il duca di Ebaloo (che si rivela essere anch’egli un mago degli spiriti stellari come Lucy, seppur dal potenziale abbastanza limitato) e si impossessano del libro, oltre che della chiave di Virgo, chiave che poi passerà a Lucy. La ragazza, però, leggendolo, scopre che quel libro nasconde qualcosa di più e lo riconsegnano al loro datore di lavoro, giustificandosi dicendo che quel libro apparteneva a suo padre, notissimo scrittore di cui Lucy è fan. Questo libro, ritenuto una sciocchezza, in realtà nasconde in sé una storia che lo scrittore aveva celato dietro un incantesimo, una storia dedicata al figlio, ovvero colui che aveva commissionato ai ragazzi di distruggere il volume. Non avendo perciò concluso la missione, anche se l’uomo voleva comunque ricompensarli, loro rifiutano qualunque premio e rientrano a Fairy Tail.
Tornati alla sede, la potente maga Elsa Scarlett chiede aiuto a Natsu e Gray per una missione e li recluta subito come suoi compagni di team (questa squadra potrebbe essere, a detta di Mirajane, la più forte mai vista a Fairy Tail). Mirajane, visti i problemi che potrebbero sorgere, manda anche Lucy con loro e i quattro, più Happy partono. Durante il viaggio in treno Elsa spiega a Lucy, Happy e Gray il motivo per cui ha deciso di chiedere il loro aiuto (Natsu, purtroppo, non è in grado di ascoltare visto che Elsa, avendo capito che lui aveva la nausea il viaggio, lo aveva tramortito con un pugno): dei maghi di Eisenweld stanno progettando di impossessarsi di una magia di nome Lullaby, di cui lei non conosce però gli effetti. La gilda di Eisenwald è classificata come gilda oscura poiché ha deciso di non appartenere alla Lega dei Master delle Gilde Provinciali; i suoi membri sono dunque dei fuorilegge. Il gruppo scende dal treno, ma senza Natsu, rimasto addormentato nel vagone; questi incontra Kageyama, mago affiliato di Eisenwald. Ovviamente non lo sa e non è a conoscenza della missione perché rimasto a dormire tutto il tempo. Kageyama invece riconosce subito Natsu quale affiliato di Fairy Tail e ingaggia con lui un breve scontro, da cui Natsu riesce a scappare, ma non prima di notare che il rivale possiede un flauto con un teschio incastrato sulla punta; dopodiché si butta dal finestrino e ritrova il resto del team a cui riferisce ciò che è successo. Si scopre, grazie alle conoscenze di Lucy, che il flauto è un potente artefatto chiamato Lullaby, la ninnananna della morte, che conduce chi ascolta al decesso immediato. I quattro seguono quindi il treno in cui si trova ancora Kageyama per vedere a chi quest’ultimo dovesse consegnare il flauto. Arrivati alla stazione si scontrano con i membri della gilda di Eisenwald. Dopo una dura lotta all’interno della stazione sequestrata dai membri di Eisenwald, Natsu riesce a raggiungere Eligoar, il capo di Eisenwald che vuole usare il ‘Lullaby’ per uccidere tutti i Master, in quel momento riuniti in consiglio in una città vicina. Natsu all’inizio si trova in difficoltà contro la magia del vento di Eligoar, ma alla fine, dopo aver perso le staffe, riesce a sconfiggerlo usando al massimo i suoi poteri di dragon slayer del fuoco. Il Lullaby finisce delle mani di Kageyama, gravemente ferito ma ancora animato da cattive intenzioni; questi riesce a raggiungere il consiglio dei Master delle gilde, ma mentre sta per suonare viene fermato proprio dal Master di Fairy Tail, Makarov. Dopo una lunga discussione Kageyama scoppia a piangere e getta a terra il ‘Lullaby’, dal quale fuoriesce il vero spirito del flauto, ovvero un demone del libro di Zelef (leggendario mago malvagio dei tempi antichi). Elsa Gray e Natsu, unendo le forze, lo sconfiggono con relativa semplicità, dimostrando di essere davvero il team più forte mai visto a Fairy Tail; però distruggono accidentalmente anche la sede del raduno. Tornati alla gilda Elsa e Natsu si sfidano, sotto gli occhi del Master Makarov, dei compagni, e di una Lucy a dir poco sbigottita; quando stanno per cominciare vengono tuttavia interrotti da un messo del Concilio (dall’inquietante aspetto di anfibio) che arresta Elsa.
Natsu allora si reca di nascosto al concilio per salvare Elsa. La ragazza intanto incontra Sieglein, uno dei membri più potenti, e dalla loro conversazione sembra che si conoscano da tempo, anche se Elsa paragona il bellissimo mago alla reincarnazione del male. Elsa viene portata di fronte al concilio dei maghi e poco prima del verdetto Natsu irrompe nella sala. Elsa e Natsu vengono in seguito liberati e ricondotti alla gilda.
Lucy intanto incontra Luxus, il nipote del vecchio Makarov. Lui è candidato a diventare il prossimo Master di Fairy Tail insieme ad Elsa, Mist gun e Gildartz. Solo quei quattro, essendo i più forti della gilda, hanno il permesso di accedere al secondo piano dove possono essere prese le missioni di livello S. Lucy torna a casa e trova Natsu e Happy con una missione di livello S fra le mani: Natsu l’ha fatta rubare a Happy e i tre partono per la missione all’insaputa di tutti. Si viene a sapere del furto e allora mandano Gray a riportare alla gilda i tre compagni. Una volta arrivato lì, però, Natsu con un trabocchetto lo fa imbarcare su una nave diretta all’isola di Galuna dove devono compiere la missione, accompagnati da un pescatore che dice di essere nativo dell’isola. Arriva una tempesta e i nostri eroi non riescono a strappare altre informazioni all’uomo, che scompare misteriosamente, ritrovandosi tutti assieme sull’isola. Gray decide di unirsi a loro nella missione, infrangendo così il suo giuramento. Una volta sull’isola e una volta parlato con gli abitanti scoprono che l’uomo sulla barca è il figlio del sindaco del villaggio. Il sindaco dovette uccidere suo figlio perché era diventato un demone anche nell’anima. Il sindaco dice allora che di notte tutti gli abitanti dell’isola si trasformano in demoni a causa della luna, che da tre anni, vista dall’isola, è viola. La richiesta del sindaco è quella di distruggerla. Il giorno dopo il trio comincia a perlustrare l’isola e finiscono in un palazzo in rovina. Nelle sue profondità i ragazzi trovano un demone imprigionato dentro il ghiaccio. Gray rimane scioccato e spiega che quel demone è Deliora, il demone millenario che la sua maestra, Ur, era riuscita a sigillare a costo della vita dieci anni prima. I ragazzi devono aspettare però che gli uomini che hanno portato lì il demone vengano. Per ammazzare la noia, Lucy chiama lo spirito stellare Lyra la lira. Lo spirito comincia a cantare una canzone che smuove i sentimenti di Gray. Il ragazzo allora non resiste e si mette a piangere davanti a tutti. Lucy non fa in tempo a chiedergli che cosa gli succede che i colpevoli arrivano. Gray, Lucy, Natsu e Happy si nascondono dietro ad una roccia e ascoltano il dialogo del gruppo, formato da un ragazzo con le sopracciglia enormi, Yuka, da un uomo che assomiglia ad un leone, Toby, e da una bellissima ragazza vestita Goth e con una strana filosofia di vita in cui c’è sempre in ballo l’amore, Sherry; tutti loro sono ex membri della gilda Lamia Scale.
Il gruppo dice qualcosa riguardo ad un rituale con le gocce di luna che si sarebbe tenuto entro poco, appena il loro capo fosse arrivato. E’ Leon, ex allievo di Ur e compagno di Gray; ha intenzione di risvegliare Deliora perché aveva sempre desiderato superare Ur, ma siccome lei è morta lui non ha avuto occasione di sfidarla, quindi scongelare e sconfiggere il demone è l’unico modo che ha per dimostrare di essere più forte di lei, che è riuscita solo a sigillarlo; allora affronta e sconfigge Gray, dicendogli che è stata colpa sua se Ur è morta; quindi manda Yuka, Toby e Sherry a distruggere il villaggio. Natsu affronta e sconfigge facilmente Yuka e Toby, mentre Lucy affronta e sconfigge, usando la micidiale Acquarius, Sherry. Intanto arriva sull’isola Elsa per punire i ragazzi visto che hanno fatto di testa loro, ma dopo un’accesa discussione con Gray decide di aiutarli a portare a termine la missione. Natsu raggiunge per conto suo le antiche rovine dove c’è Deliora, e distruggendo un po’ di pilastri devia i raggi lunari per impedire il suo risveglio, poi ingaggia un duro combattimento con Leon. Gray racconta a Lucy ed Elsa di come Deliora uccise i suoi genitori, di come Ur gli insegnò la magia del ghiaccio e di come si sacrificò per sigillare il demone, usando l’incantesimo che trasforma l’utilizzatore in un blocco di ghiaccio. Arrivati alle rovine Gray affronta all’ultimo sangue Leon, mentre Natsu affronta Zarti, un mago mascherato che può riportare indietro il tempo attrverso una “lost magic” (una magia antichissima), infatti rimette a posto le rovine così che il rito possa completarsi; rivela a Natsu che il suo obiettivo è quello di controllare l’immenso potere del demone. Il ghiccio del sigillo si scioglie, Deliora si risveglia, ma fa a tempo solo a emanare un urlo spaventoso per poi cadere in mille pezzi: il ghiaccio in dieci anni gli ha consumato la vita, quindi Ur lo aveva ucciso; Gray e Leon fanno finalmente la pace in memoria della loro fortissima maestra. Si viene a sapere che Yuka, Toby e Sherry si erano uniti a Leon per vendicarsi di Deliora che aveva ucciso i loro genitori, erano quindi spinti dalla vendetta proprio come Gray. Ma resta ancora il problema delle persone del villaggio; la verità è che non era Deliora ad avere un influsso malefico sull’isola, bensì una calotta di gocce lunari cristallizzate (di colore viola) che ha fatto perdere la memoria agli abitanti, infatti loro sono demoni, ma lo avevano scordato; il figlio del sindaco era l’unico che se lo ricordava e quindi è andato a cercare aiuto; Natsu ed Elsa, unendo le forze, distruggono la calotta viola, così tutti riacquistano la memoria: la missione di grado S è compiuta!
Zarti in realtà è la bella Urrutia, figlia di Ur e maga osservatrice per conto di Sieglein, che è uno dei Dieci Maghi Sacri, cioè i più forti di tutto il mondo magico.
Natsu & co. rientrano a Fairy Tail, dove però hanno una tremenda sorpresa: la sede della gilda è completamente danneggiata da piloni di ferro infissi nell’intera struttura. Mirajane riferisce loro che è stata la gilda Phantom Lord, da tempo rivale di Fairy Tail; nessuno è rimasto ferito perché il colpo è stato fatto di notte; l’intenzione di Phantom Lord è quella di provocare una guerra tra gilde, ma il master Makarov sa bene che il consiglio ha vietato qualsiasi disputa tra gilde, altrimenti si va incontro a sanzioni molto pesanti; ha quindi vietato ogni forma di rappresaglia contro i Phantom; infatti uno scontro di tale portata sconvolgerebbe tutto il mondo dei maghi, e per di più uno scontro tra gilde con la stessa forza bellica: il Master di Phantom Lord, Jose, è, come Makarov, uno dei Dieci Maghi Sacri, e può contare su quattro maghi di livello S, gli Element Four, e su Gajil il drago nero, il dragon slayer d’acciaio, l’esecutore materiale della distruzione di Fairy Tail. Gajil, sapendo che Makarov non si sarebbe mosso per la distruzione della locanda, riduce in fin di vita Levy, Jet e Droy: riesce nel suo intento, perché Makarov dichiara apertamente guerra contro Phantom Lord. Tutta Fairy Tail va a massacrare i nemici alla loro sede cogliendoli di sorpresa. Due degli Element Four, Jubia della pioggia e Sol del sottosuolo, rapiscono Lucy, che non partecipava alla battaglia. Makarov va ad affrontare Jose ma viene colto di sorpresa da Aria del grande cielo, un altro Element Four, che disperde completamente i poteri del Master, rendendolo un normale vecchietto; Jose gli spiega che il loro obiettivo era Lucy Heartphilia, figlia scappata di casa di uno degli uomini più ricchi e nobili del paese; è appunto suo padre, Konzern Heartphilia, che ha richiesto a Phantom Lord di ritrovrla; già che c’era, Jose ha pensato di dare a Fairy Tail una lezione di modestia; vedendo il Master fuori gioco, Elsa dichiara la ritirata. Makarov viene portato da Polyushka, la fattucchiera guaritrice. Natsu, avendo scoperto che Lucy è prigioniera nel quartier generale dei Phantom, la va a liberare; tornata alla locanda, Lucy racconta la sua storia e capisce che Fairy Tail è la sua vera casa; Mirajane cerca di convincere Luxus ad aiutarli ma lui se ne infischia e sfotte tutti quanti visto che si sono ritirati; allora lei decide di combattere ma Kana le dice che sarebbe solo di peso, benché sia una maga di classe S (?). Phantom Lord non perde tempo, e con la sua gilda mobile articolata a sei piedi, attacca frontalmente Fairy Tail: usa il Jupiter, il cannone a convergenza magica, ma Elsa, usando la sua più resistente armatura, quella di super acciaio, blocca il colpo facendo da scudo umano; Jose allora manda all’attacco gli Shade, i suoi spettri magici; Lucy viene portata in un luogo sicuro da Reedus e Mirajane prende le sue sembianze per ingannare il nemico; Natsu, seguito da Gray ed Elfman, va all’assalto del Jupiter, che ha un tempo di caricamento di 15 minuti; lì affronta Todomaru l’incendiario, il quarto Element Four, anche lui specialista nella magia del fuoco; Gray e Elfman lo sconfiggono; poi distrugge il cannone appena in tempo. Ma Jose ha ancora un asso nella manica: il Phantom MK II, l’edificio stesso che crea l’Abyss Break, un cerchio magico che può originare un raggio dalla potenza devastante. Elfman affronta Sol del sottosuolo: perde completamente le staffe quando Mirajane sta per essere uccisa e quando l’Element Four della terra gli ricorda che la sua sorella minore, Lisana, era morta perché lui aveva usato la sua magia più potente, il Take Over Completo (Beast Soul), e aveva perso la ragione; è proprio usando quella magia e tramutandosi in un demone cornuto dalla forza devastante che Elfman riesce a sconfiggere Sol e a salvare Mirajane, però questa volta non perde la ragione. Qui si rendono conto che battendo gli Element Four si blocca il processo di creazione del cerchio magico. Gray affronta quindi Jubia della pioggia, che si innamora di lui mentre combattono. Nonostante in un primo momento Jubia sia avvantaggiata dal suo potere, alla fine è Gray a prevalere. L’ultimo Element Four, Aria, si dimostra il più pericoloso: col suo potere mette in grave difficoltà Natsu; interviene allora Elsa che, anche se provata dal colpo dello Jupiter, sconfigge Aria. Intanto Lucy, catturata da Gajil, è stata portata in cima al Phantom MK II e Natsu arriva per salvarla e sfidare Gajil. Lo scontro tra i due Dragon Slayer e li vede praticamente alla pari ma Gajil è avvantaggiato dal terreno di scontro dove è facilmente reperibile acciaio, con cui riesce a ristabilire parte delle proprie energie. Come se non bastasse il quartier generale di Fairy Tail viene spazzato via dal secondo colpo di Jupiter. Quando tutto sembra perduto Lucy con Sagitarius, spirito dello zodiaco ottenuto in seguito alla missione sull’isola di Galuna, riesce a produrre fuoco per Natsu che, ripresosi, sconfigge Gajil. Intanto Jose sta infierendo senza pietà su Elsa spiegandole che questo astio nei loro confronti è dovuto alla crescente fama della gilda Fairy Tail, che aveva finito per oscurare le altre gilde, compresa Phantom Lord, il che ne ha rovinato gli affari. Quando Elsa sta per soccombere interviene Makarov, ripresosi dall’attacco di Aria, che sconfigge Jose usando una magia potentissima, il Fairy Law. Intanto Gajil e Natsu scoprono di essere entrambi in cerca di un drago, quello di Gajil si chiama Metalicana; alla fine le due gilde si separano e può iniziare la ricostruzione del QG di Fairy Tail.
Dopo l’attacco di Jose, a Fairy Tail le attività sono riprese con regolarità: nuovi incarichi, nuova allegria anche se turbata dalla visita di Luxus (che si scopre essere il nipote del Master Makarov); è durante uno di questi incarichi che Lucy viene difesa da due malviventi da Loki. Lucy cerca di sapere perché Loki è a disagio sapendola un mago di chiavi stellari; lui le confida che gli resta poco tempo da vivere, dicendole poi che era uno scherzo. Non credendogli, Lucy consulta lo spirito stellare della Croce del Sud, che la aiuta a capire che Loki è lo spirito stellare della chiave d’oro del Leone, appartenente alla maga Kalian Lilica. Venuta a sapere che Loki ha lasciato la gilda, Lucy lo trova alla tomba di Kalian. Loki allora le racconta la sua storia: Kilian, maga della gilda Blue Pegasus, era una evocatrice ingiusta e crudele sia con Loki che con Aries, la ragazza spirito dell’Ariete, timida e dolce, che sopportava in silenzio le sue angherie; Loki, stufo di questa situazione, decise di uscire dal suo portale così da impedire a Kilian di effettuare altre evocavioni (solo i maghi più potenti sono in grado di evocare più spiriti in conteporanea) finché lei non li avesse liberati dal loro patto. Il tempo passava e Loki, nonostante la sofferenza non desisteva, finché Kilian non cercò di svolgere un incarico senza spiriti, perdendo la vita. Così Loki, destinato a morire, decise di attendere con pazienza la sua fine, sentendosi colpevole per la morte della sua evocatrice. Lucy però, decisa a salvarlo, dice che se sarà costretta, cambierà le stesse leggi degli spiriti stellari pur di salvarlo, il che richiama l’attenzione del Re degli Spiriti Stellari, che considera Loki un vecchio amico. All’iniziale rifiuto del Re di cambiare la legge che condannava Loki, Lucy risponde evocando in contemporanea i suoi sei spiriti d’oro più Plue (o Nicola), dando prova dell’immenso potere che cela. Il Re allora decide di graziare Loki e si congeda con un sorriso a Lucy. Loki, per ringraziare Lucy del suo aiuto, decide di donarle la sua chiave.
Ormai tornato nel mondo degli spiriti stellari, Loki decide de donare alla sua nuova padrona Lucy quattro biglietti per un prestigioso albergo in riva al mare. Inutile dire che insieme a lei ci vanno Natsu,Gray,Elsa e Happy(che essendo un gatto non necessita di biglietto). La vacanza pero viene turbata dal passato di uno dei maghi: Elsa; una sera infatti (dove Gray incontra Jubia,decisa ad unirsi a Fairy Tail), al casinò dell’albergo, dove erano andati i maghi de Fairy Tail, si presentano quattro maghi: Shou, ragazzo dalla pelle scura, esperto nella magia delle carte, Miriana, una ragazza con la fissazione per i gatti, Wally, un pistolero quadrato(letteralmente) che segue lo stile dandy, e Simon, un individuo inquietante con la mascella di metallo e mago del buio; essi erano i compagni di Elsa prima di Fairy Tail. Dopo averla prelevata con la forza (insieme a Happy) e aver neutralizzato Natsu e compagni, la riportano alla torre del paradiso, dove Elsa ha passato la sua infanzia come schiava ai lavori forzati.