Numero episodi: ???

Molti degli episodi sono autoconclusivi, e parlano di persone che hanno problemi con una o più altre persone. Un sito web, conosciuto come Jigoku tsūshin (“Linea diretta per l’Inferno”) può essere raggiunto soltanto a mezzanotte, da coloro che desiderano vendicarsi contro chi li tormenta. Scrivendo nell’home page il nome di coloro che odiano, la Jigoku shōjo (Ragazza dell’Inferno) consegnerà loro una bambola di paglia con una stringa rossa legata al collo. Se tireranno la stringa, la persona verrà mandata direttamente all’Inferno, ma anche chi ha tirato la stringa sarà destinato ad andare all’inferno dopo la propria morte, e a portare per sempre un marchio sul petto che attesta il suo destino.
La prima serie segue un giornalista, Hajime, e sua figlia, una bambina di nome Tsugumi, che ha delle visioni che le permettono di scoprire dov’è Ai: i due si mettono sulle tracce di Ai tentando di fermarla. I due compaiono per la prima volta nell’episodio 8.
La seconda serie ha invece molti più episodi autoconclusivi, ma si focalizza di più sugli assistenti di Ai e alcuni episodi narrano il loro passato. Solo negli ultimi episodi, dal 22 in poi, comincia una vera e propria trama: in un luogo chiamato Lovely Hills un ragazzo di nome Takuma è accusato della sparizione di molte persone, causata in realtà dall’abuso della Jigoku tsūshin da parte degli abitanti.